Secondo incontro con Cinzia Patrizia Meschia

Home/Ami-amo, Anteprima, Blog Naturopaticamente/Secondo incontro con Cinzia Patrizia Meschia

Prosegue l’intervista con la dr.ssa Cinzia Patrizia Meschia

Cosa ti ha spinto ad avvicinarti a questa disciplina?

Ho iniziato a rivolgermi nei primi anni ’90 alla Kinesiologia per un problema, davvero debilitante, che non ero riuscita a superare permanentemente in nessun modo. Quasi per disperazione ho seguito il consiglio di un amico che mi diceva di rivolgermi ad una kinesiologa di sua conoscenza. La risoluzione del problema, che mi ha fatto toccare con mano la grandezza di questo metodo, mi ha indotta ad intraprendere il percorso formativo in kinesiologia. Prima a livello amatoriale e poi ad abbandonare la carriera dirigenziale nella multinazionale in cui lavoravo per dedicarmi allo studio approfondito di questa disciplina.

Chi è il kinesiologo?

Il Kinesiologo è un interprete che conosce il linguaggio del corpo, che ascolta la persona non solo verbalmente, ma soprattutto attraverso il test muscolare, per ottenere informazioni sugli squilibri energetici che la affliggono. Con l’ausilio del test muscolare, verifica quali tecniche e/o rimedi dolci, naturali e non invasivi, riportano il sistema in equilibrio, in modo che i disagi manifesti possano dissolversi, consentimi di dirlo, “ un po’ come fa neve al sole”.

Come si svolge una seduta?

In una seduta kinesiologica la persona si sdraia sul lettino o si siede di fronte al kinesiologo e gli racconta cosa non va e cosa vorrebbe migliorare. Il kinesiologo non si sofferma sul dolore. Dopo l’effettuazione dei primi test di base per verificare se il muscolo indicatore generico risponde adeguatamente al test muscolare, l’aiuta ad impostare un traguardo o ragione della seduta che è un obiettivo positivo che la persona si propone di raggiungere, ma che fino a questo momento non ha raggiunto a causa dei blocchi energetici dovuti allo stress ad esso associato. E da qui si procede ad individuare i diversi blocchi e a correggerli.

Traguardi raggiungibili

I traguardi possono essere infiniti: muovo il braccio, la gamba, il piede, il tronco con agio, cammino agevolmente, mi piego con disinvoltura per prendere in braccio mio figlio, apprendo e memorizzo facilmente una lezione, affronto la mia giornata con forza ed energia, con fiducia e serenità, mi esprimo con sicurezza, ecc…

Se si vuole ad esempio individuare se una determinata situazione dà stress emotivo, che contribuisce ad aver generato un blocco, è sufficiente far pensare alla persona interessata quella specifica situazione mentre l’operatore testa un muscolo per avere una risposta precisa dal muscolo stesso. Quando il muscolo risponde debole al test, quella situazione è stressante e, a lungo andare, indebolisce il suo sistema.

Mentre se si vuole sapere se una parte del corpo ha un deficit energetico, si stimola quella parte mentre si esegue il test muscolare.

La risposta del muscolo sarà correlata allo stimolo (mentale o fisico) applicato contemporaneamente al test o subito prima di esso. Generalmente quando esiste uno squilibrio o comunque un’alterazione, il muscolo dà una risposta alterata, debole o troppo forte.

Come si può ottenere un riequilibrio?

L’intervento di riequilibrio si basa su tecniche che vengono scelte in base ad una scala prioritaria sempre con l’utilizzo del test muscolare. Le correzioni più indicate riportano in equilibrio quei muscoli che erano troppo deboli o troppo forti.

Il kinesiologo può effettuare diversi tipi di stimolazioni sul corpo, scelte con l’ausilio del test muscolare in base alla specifica necessità. Solo per citarne alcune: i riflessi neuro linfatici ad esempio aiutano a detossinare l’organismo, i riflessi neuro vascolari ad irrorare maggiormente un determinato organo facendo arrivare più sangue, e quindi più ossigeno e più nutrimento, gli sfioramenti sui canali energetici, i meridiani, effettuano un bilanciamento energetico dello scorrimento dell’energia in essi contenuta, la stimolazione contemporanea dell’origine e dell’inserzione di un determinato muscolo rappresentano una correzione che aiuta a ripristinare l’efficienza fisica del muscolo stesso, l’applicazione di frequenze sonore o cromatiche aiuta anch’essa a ristabilire l’equilibrio così come il recitare più volte un’affermazione positiva o il visualizzare un’immagine o una situazione positiva.

Abbiamo più volte parlato di meridiani, cosa sono?

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC) i meridiani sono dei canali virtuali che servono per trasportare l’energia vitale in vari settori del corpo. Ogni meridiano parte da un dato punto del corpo ed arriva ad un altro. Abbiamo 14 meridiani principali tutti caratterizzati da punti specifici: 2 meridiani centrali che sono Vaso concezione e Vaso governatore; 10 meridiani: 5 degli organi e 5 dei visceri bilaterali; 2 meridiani funzione: Triplice riscaldatore e Maestro del cuore.

I meridiani principali si suddividono in Yin e Yang che sono le 2 energie che costituiscono tutto ciò che esiste nel macro e microcosmo.

I meridiani Yin sono meridiani in cui l’energia scorre dalla terra al cielo e che sono costantemente attivi, sono collegati agli organi (pieni) e sono:
Meridiano della Milza, Meridiano dei Reni, Meridiano del Cuore, Meridiano dei Polmoni, Meridiano del Fegato, Meridiano del Maestro del Cuore o Pericardio.

I meridiani Yang sono meridiani che operano secondo un ciclo di azione/riposo. In essi l’energia scorre dal cielo verso la terra. Sono collegati ai visceri e sono:
Meridiano dello Stomaco, Meridiano dell’Intestino Tenue, Meridiano della Vescica, Meridiano del Triplice Riscaldatore, Meridiano della Vescicola Biliare, Meridiano dell’Intestino Crasso.

Energia

Se il fluire dell’energia in questi canali non è libero vi sarà disarmonia nel funzionamento energetico dei diversi organi e visceri con possibile comparsa di disagi sia a livello fisico che emotivo/mentale. La kinesiologia è un vero matrimonio tra la MTC ed il test muscolare e quindi utilizza il massaggio di questi meridiani e la digitopressione di punti specifici di essi per ristabilire la libera circolazione dell’energia vitale e il ripristino dell’equilibrio. Da questo si evince che la kinesiologia può essere un valido supporto per tutti per acquisire sempre più centratura vitalità e gioia di vivere.

 

Dr.ssa Cinzia Patrizia Meschia
Kinesiologa – naturopata – istruttore di kinesiologia – tecnologa alimentare