PARLARE PACE

PARLARE PACE

Imparare a “Parlare pace” è importante per ognuno di noi, ma ci sono momenti e persone per cui diventa una pratica preziosa. Lo psicologo dottor Marshall B. Rosenberg con questo libro ci fa entrare in contatto con la possibilità di trasformarci attraverso la consapevolezza delle parole che ci definiscono e ci fanno essere quello che siamo e che saremo. Riportiamo l’incipit del libro perché la semplice chiarezza dell’intenzione iniziale riassume lo studio e l’esperienza di Rosenberg in tanti anni di ricerca e pratica su questo affascinante argomento: la comunicazione non violenta.

 

Le origini della comunicazione nonviolenta

“Sono contrario alla violenza perché, anche quando sembra che porti beneficio è solo temporaneo; invece il danno che fa è permanente.”   Mahatma Gandhi

“La mia ricerca di nuove forme di comunicazione è collegata ad un paio di domande che mi sono posto fin dall’infanzia. La mia famiglia si trasferì a Detroit, nel Michigan, poco prima degli scontri razziali del 1943.

Nel nostro quartiere trenta persone furono uccise in circa quattro giorni. Per tutto quel tempo dovemmo rimanere barricati in casa. Per me, che all’epoca ero un bambino, questa fu una lezione molto potente. Fu una lezione dolorosa che mi fece vedere che, in questo mondo, le persone possono volerti ferire a causa del colore della pelle tua.

Poi quando andai a scuola per la prima volta, mi resi conto che il mio cognome poteva essere uno stimolo per la violenza.

Pertanto, crescendo, più volte mi sono fatto questa domanda: che cosa fa sì che le persone vogliano ferire gli altri per ragioni come il loro cognome, la loro religione, il loro passato o il colore della loro pelle?

Per fortuna ho visto anche l’altro lato degli esseri umani. Per esempio, quando ero bambino mia nonna era completamente paralizzata e mia madre la accudiva, con l’aiuto quotidiano di uno dei miei zii. Mio zio quando puliva e imboccava mia nonna, aveva il più bel sorriso stampato sul volto.

Cosi da bambino continuavo a chiedermi: com’è che ci sono persone come mio zio che sembrano gioire nel contribuire al benessere degli altri e, allo stesso tempo ci sono altri esseri umani che vogliono reciprocamente farsi violenza?”

 

“Insegnate a tutti questa triplice verità: un cuore generoso, una parola gentile, una vita di servizio e di compassione sono le cose che rinnovano l’umanità”   Buddha