Mamma mia che paura

Per la paura causata dalle cose del mondo, come la malattia, il dolore, gli incidenti, la povertà, il buio, la solitudine, la sfortuna, le paure legate alla vita quotidiana. Le persone che ne soffrono sopportano in silenzio e in segreto i propri timori perché non ne parlano volentieri agli altri.
Edward Bach

La paura di uscire, di rientrare in un mondo che ora potremmo percepire come ostile o estraneo, dopo un periodo di isolamento, è dietro l’angolo. Ci aspetta.

Mamma mia che paura! È la voce del nostro bambino che ha bisogno della mano della mamma per avere il coraggio di esplorare un mondo non del tutto conosciuto. La voglia di “rientrare nella consuetudine” è tanta, ma per il nostro bene/essere prendiamoci un tempo per dare voce alle nostre paure, non solo per superarle. La paura può essere una risorsa per un’esplorazione interiore. Gli scienziati hanno studiato gli ormoni messi in gioco da questa emozione, riconoscendone alcuni, come messaggeri delle nostre reazioni. Tra questi i più significativi sono nor-adrenalina, adrenalina e glucocorticoidi: tipici della reazione “Fight-or-flight” (lotta o fuga) descritta per la prima volta da Walter Bradford Cannon. Secondo studi più recenti, fatti da Shelley E. Taylor e dal suo gruppo di lavoro, oltre alla reazione di lotta o fuga, di fronte allo stress e alla paura può manifestarsi una reazione di cura denominato “Tend-and-befriend”. L’ormone messaggero di questo tipo di reazione è l’ossitocina.(Qui una interessante riflessione di Maurizio Stupiggia, docente della Scuola di Naturopatia)

A volte succede che la paura ci blocca oppure si nasconde dietro a comportamenti ripetitivi e non riusciamo a portarla fuori con la voce. E allora può entrare in gioco il mimolo.

Mimulus

Mimulus ci prende per mano, e ci porta fuori. Ascolta la nostra paura e ci aiuta a trovare il nostro coraggio. Bach nelle sue “Opere complete” ci dice che il Mimulus Guttatus è un fiore “relativamente raro, ma cresce ai bordi degli acquitrini e dei ruscelli, dove l’acqua è chiara“. È un fiore delicato che ha la forza e il coraggio di sfidare l’impetuosità di un ruscello: questo ci insegna!

A braccetto con Mimulus, in questo momento, Gentian ci insegna ad avere fiducia nell’affidarci… insieme ci prendono per mano per un nuovo cammino.