LAURUS NOBILIS, DAFNE SI FA PIANTA

Home/Ami-amo, Anteprima, Blog Naturopaticamente, Formazione Triennale/LAURUS NOBILIS, DAFNE SI FA PIANTA

Dafne/Laurus Nobilis ovvero la pianta di Apollo e dei vincitori.

Si narra che Apollo s’innamorò perdutamente di Dafne, una ninfa che amava la sua libertà. Per sfuggire al suo ardore chiese alla madre e al padre di trasformarla in albero, fu esaudita e divenne un Lauro. Apollo sentendo battere il cuore dell’amata sotto la corteccia stringendo appassionatamente i rami sospirò: “Se non puoi essermi sposa, sarai almeno la mia pianta”. Mentre parlava la chioma sembrò ondeggiare dolcemente come se cedesse infine all’amore del dio!

Di corone di alloro si sono cinti il capo imperatori e atleti. Ancora oggi tutti gli studenti il giorno della laurea usano festeggiare con una corona simile a quelle degli imperatori.

Arbusto o piccolo albero sempreverde con foglie coriacee lucenti e profumate e bacche nere che maturano a ottobre.

Considerata pianta profetica, perché Apollo è una divinità che “sa quel che sarà, fu ed è” veniva bruciato nelle nostre campagne  per prevedere l’abbondanza del raccolto.

Laurus Nobilis per il benessere

Per il nostro benessere possiamo utilizzarlo in tisana per migliorare la digestione o alleviare i gonfiori o per aiutarci a superare un brutto raffreddore con tosse. In inverno aggiunto alla nostra tisana abituale una foglia di alloro ci protegge da raffreddamenti, aumentando le nostre difese. Con le bacche mature si può fare un ottimo olio per i dolori alle articolazioni. Per la sua azione rilassante può essere aggiunto alla vasca dopo decozione oppure finemente polverizzato. Con un infuso concentrato raffreddato i nostri capelli diventano più lisci e scuri.

L’alloro insieme alle consorelle aromatiche rende i piatti di legumi, ma non solo, più gustosi e facilmente digeribili!

Nella pausa pranzo, tra le lezioni del mattino e quelle del pomeriggio, gli studenti possono consumare il pranzo nel ristorante del centro natura , sede della scuola di Naturopatia. Il pranzo può diventare così fonte di sapienza che concorre al  benessere consapevole. La chef Pina Siotto e tutto lo staff di cucina creano combinazioni alimentari equilibrate, con l’utilizzo di cibi integri o poco raffinati, prodotti freschi e di stagione. Tutte le materie prime sono rigorosamente biologiche certificate.