I FIORI DI BACH

I FIORI DI BACH

Nel 1930 Edward Bach molla tutto: lavoro, successo e ricchezza e parte per il Galles. Arrivato, scopre di avere scambiato valigia per cui non ha attrezzi per lavorare le piante ma scarpe. Nulla di più utile per mettersi in cammino alla ricerca di quel sistema semplice per prendersi cura delle persone che aveva tanto sognato. Sulle stesse orme si è messa in cammino la dottoressa Gabriele Krause, dal 1989, quando un’amica le ha regalato il suo primo libro sui fiori di Bach. Dopo due anni di studio su se stessa e un approfondito studio in Germania, li ha inclusi tra le frecce al suo arco…con grande soddisfazione e amore. La semplicità e l’amore hanno condotto Gabriele in tutti questi anni di studio appassionato e di voglia di condividere e promuovere la conoscenza dei fiori di Bach, seguendo l’insegnamento del dottor Bach teso a trovare un sistema il più semplice possibile. Per tutti.

Seguendo questo stesso spirito, apriamo le porte del corso triennale a chi desidera entrare in contatto con i 38 fiori di Edward Bach, insieme a noi e a Gabriele, la nostra esperta.

LA STORIA

Edward Bach fu un medico inglese, specializzato in batteriologia. Nasce a Moseley, nei pressi di Birmingham, il 24 settembre 1886, bimbo gracile, studente di buon carattere, compassionevole, empatico fin da giovane dimostra amore per la natura, gli alberi, le piante e i cavalli. Inizia a esercitare la sua professione di medico in un ospedale di Londra, dove fa importanti scoperte su batteri presenti nel tratto gastrointestinale. Nonostante i successi ottenuti, non si sente completamente soddisfatto. Una sera a una cena, seduto in mezzo agli altri ospiti, osservò che questi potevano essere suddivisi in molti tipi. Sulla base di questo pensiero giunse alla conclusione intuitiva secondo cui ognuno di questi tipi avrebbe reagito alle malattie in maniera individuale. Nell’autunno di quello stesso anno si recò nel Galles, dove raccolse due piante: Mimulus e Impatiens (Mimolo e Non Mi Toccare). Più tardi, quello stesso anno, il 1928, aggiunse alla sua raccolta Clematis (la Clematide). Questi tre fiori erano destinati a essere l’inizio dei Fiori di Bach. Prima “I dodici guaritori” seguiti dai “Sette aiutanti” e infine gli ultimi “19 rimedi”. Un insieme di 38 fiori, rimedi dolci e naturali per il riequilibrio e l’armonia.