I FIORI DI BACH E GLI ANIMALI

I fiori di Bach ci danno l’oppurtunità di scoprire l’anima degli animali.

“…sono pienamente convinto, dico pienamente, che gli animali hanno una coscienza. L’uomo non è il solo ad avere una vita interiore soggettiva” da una intervista a Konrad Lorenz

Gli animali nelle nostre case sono tanti ma non sempre è semplice comprendere i loro comportamenti, sentimenti o abitudini. Nella relazione con gli animali, noi umani abbiamo la possibilità di sperimentare un legame antico che ci unisce a loro dai tempi dei tempi. Attraverso di loro abbiamo la possibilità di incontrare il nostro cuore. Come succede per il nostro personale percorso anche gli animali possono incontrare delle difficoltà in relazione a tanti e diversi accadimenti. Un cammino tra i fiori di Bach ci può aiutare a comprenderli nella loro profondità, a specchiarci in loro e a trovare soluzioni al loro disagio. Gelosia, possessività, timidezza, aggressività, tristezza, abbandono e tanti altri sono stati d’animo che possono essere modificati con i fiori di Bach per gli animali. La terapia con i fiori fu ideata negli anni 30 da Edward Bach, medico inglese e pioniere della medicina olistica, il quale aveva scoperto e sperimentato che ad ogni stato d’animo negativo corrispondeva un’essenza vegetale che poteva correggerlo in positivo. Le emozioni che Bach testò erano naturalmente quelle umane, assai più complesse di quelle animali ma fondamentalmente simili e che anche i nostri amici manifestano in alcune circostanze come ad esempio l’arrivo di un bimbo in casa.

La nostra sensibilità può essere educata a comprenderli quando siamo presi per mano da professionisti esperti come la dottoressa Laura Cutullo che sarà nostra ospite per insegnarci ad usare i fiori per i nostri amati animali. Abbiamo tanto da imparare…

(nelle immagini Pablo Picasso con un gatto e con il suo amato cane Lump)