LETTURE TEMERARIE

Ho il pelo sbaruffo

la coda ciaccata

sto sotto il tavolo e mangio briciole

quando trovo un soldino

lo metto nel cassettino.

Stretta la fola larga la via

voi dite la vostra ch’io ho detto la mia…

 

Ecco mi presento, sono Timoti rosicchio libri e quando sono proprio dolci come il miele ne faccio una gran scorpacciata. Secondo me di alcuni libri non se ne può proprio fare a meno, si cresce con loro e quando ne hai bisogno hanno sempre qualcosa da sussurrarti al cuore.

Se dovessi, ma non devo, fare un elenco non saprei da quale cominciare ma se proprio insistete trattengo il fiato faccio un triplo salto mortale e parto, come in tutte le fiabe dal principio.

Il mio principio è proprio un triplo salto, tenetevi forti:

Primo Levi, Se questo è un uomo, La tregua e I sommersi e i salvati.

Apparentemente non ci azzeccano proprio con il benessere o la naturopatia ma in questo mio viaggio mi piace pensare di sforzarci a leggere tra le righe e non solo le righe.

Primo Levi è uno scienziato ci insegna ad analizzare dal piccolo al grande e dal grande al piccolo, racconta della dignità e del rispetto, della sofferenza, del bisogno di fare un lungo cammino per poter tornare a casa dopo aver incontrato la sofferenza e dell’importanza del racconto, e infine ci fa cadere nella nostra “Zona grigia” dove ci racconta l’importanza della consapevolezza e ci mette in guardia dalla ricerca di ogni forma di potere.

Non solo per sapere, ma digerire i racconti preziosi è un esercizio che ci permette di prendere forma e di metterci in cammino.

Questo è l’inizio, per i temerari con buone e comode scarpe da qui partiamo per un buon viaggio!

Stretta la fola larga la via

voi dite la vostra ch’io ho detto la mia…

 

Immagine di Beatrix Potter

filastrocca liberamente ispirata alla raccolta di Italo Calvino “Fiabe italiane”